Il mondo fuori

di Valentina Zinno (9 anni)

undefined

Tutto è iniziato con le vacanze di Carnevale. Era il 21febbraio quando finalmente mi stavo preparando a godermi qualche giorno di vacanza.

Era il 26 febbraio quando mamma mi dava la bella notizia di poter stare a casa ancora qualche giorno. Che fortuna!!!!

Poi ancora una settimana, un’altra, un mese e son passati mesi.

All’inizio ero felice; avevo tutto il tempo libero per dormire fino a tardi, giocare e vedere i video dei miei idoli. Un giorno mamma mi ha proposto di dipingere un enorme lenzuolo con la scritta “andrà tutto bene”; #darciunamanosenzadarsilamano.

Mi sono divertita tanto quel pomeriggio, anche se… non avevo capito bene cosa doveva andare bene. Ero felice perché pensavo di avere qualche settimana di vacanza inaspettata ma, ben presto, la vacanza si è trasformata in un incubo.

Guardando la tv in quelle sere, dovevo sempre cambiare canale. Che pizza!

Ma cosa avrà mai da dirci Conte tutte le sere? Era diventato un ospite fisso a cena.

Una sera mi sono soffermata di più nell’ascolto: “non si può uscire; vietati assembramenti (cosa sarà mai? Che parolona!); indossare guanti e mascherine obbligatoriamente”. Da lì in poi ho iniziato a capire che la cosa si faceva seria e che non avrei rivisto molto presto i miei amici. Sono iniziati i miei pianti, le mie crisi. Volevo uscire, andare a scuola, rivedere i miei amici e le mie maestre e mangiare al Mc Donald.  Ho iniziato a far sclerare mamma, non volevo fare i compiti. Proprio non mi piaceva la frase “scadenza imminente” che pressava ancor di più i miei nervi e poi fare i compiti con uno schermo su una piattaforma non era, e non è ancora oggi, il massimo. Io non volevo fare i compiti, volevo uscire! E… volevo un cagnolino. Se avessi avuto un cagnolino mi sarei divertita di più in questi giorni di prigione. Sono passati mesi, ho imparato a studiare sul balcone quando avevo nostalgia del sole e del parco, ho imparato a fare tante nuove esperienze. Quali? Pregare il rosario con mamma e Padre Giuseppe, lavare i pavimenti e i piatti e prendermi cura delle mie piantine. Sapete qual è il mio segreto per curarle? Parlargli dolcemente e fargli ascoltare musica rilassante.

La cosa che mi è mancata di più? La libertà!

Cos’è la libertà?  Per me è correre al parco, giocare con gli amici ed è il segreto della felicità.

Siamo a fine maggio, non rivedrò la mia scuola per questo anno scolastico; ho iniziato a rivedere la mia amica del cuore Sofia anche se devo indossare la mascherina e non posso abbracciarla. Lei ora ha tanta paura degli abbracci e spesso piange ma sono sicura che presto si rasserenerà. Papà è stato grande, era l’unico che continuava ad uscire e a portarci tante cose buone. Un eroe, il mio eroe, perché non aveva paura di andare nel mondo fuori.  Ho capito cosa voleva dire quella scritta dipinta sul lenzuolo ed “è andato tutto bene”.

 Valentina Zinno, 9 anni

Ah… dimenticavo…. sto ancora aspettando un cagnolino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...